Fragile
Casa, Fabrizio

“… all’Unione Rugby Amatori lo accettavano per quello che era, buono, cattivo, aperto, cupo, generoso, vendicativo, un ragazzo di quindici anni che giocava tre quarti ala.”:  Andrzej, madre polacca e padre italiano che l’ha ormai abbandonato da tempo si trova accusato di una rapina a mano armata. E’ vero che frequenta delle brutte compagnie, ma forse non è cattivo come sembra voler far credere. I suoi compagni della squadra di rugby ne sono sicuri e decidono di “immischiarsi” nella sua vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...