Per sempre insieme, amen
Kuijer, Guus

“Mia mamma dice che una volta poteva capitare di avere un padre normale. Uno che tornava a casa, guardava la televisione e beveva una birra. Padri del genere credo che non esistano più. Ad esempio puoi avere un padre che non è tuo padre. O un padre che è tuo padre ma vive da un’altra parte. O un padre che esiste, ma non sai dov’è… o un padre che sai dov’è ma da cui non puoi andare”: Polleke ha undici anni, scrive poesie ed è fidanzata con Mimun, un compagno di classe di origine marocchina. Ma soprattutto guarda al mondo con i suoi occhi sinceri e affettuosi, e poi ce lo racconta.

Annunci

Una risposta »

  1. Pollo zanna ha detto:

    Mi è piaciuto perchè il protagonista si confida giorno per giorno con Poleke la vitelllina.
    Una frase celebre per me è: “A te e alla tua coltura del cavolo”. Se volete capirla, leggete il libro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...